Sabato, 13 Maggio 2017 21:15

La Belva fa tremare il Ciro Vigorito, e riapre i play off

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Benevento – Frosinone 2 – 1. La strada che porta ai play off passa sotto l' Arco di Traiano, al 93' davanti a 11187 spettatori. La banda di Baroni ferma la preoccupante ascesa dei ciociari che minacciava i play off con la promozione diretta per differenza punti. 
 
24 Dicembre 2016: a poche ore dalla nascita del buon bambin Gesù, Dionisi regalava una splendida vittoria al Frosinone contro gli Stregoni del Benevento, al minuto 99 infatti, siglava il 3 – 2, ben oltre i tempi di recupero regolamentari.
 
Giallazzurri subito pericolosi nei primi 5 minuti, Cragno è chiamato in causa prima su una conclusione pericolosa da lunga distanza, poi a seguito di un errore su rinvio. Prima Dionisi tira la bomba da fuori area, poi su un rinvio intercettato da Sammarco che serve Gori, ma il numero 1 giallorosso toglie la sfera da sotto l'incrocio dei pali: meraviglioso. Gli ospiti continuano in percussione ma lo Stregone mantiene la calma. Il gol arriva solo al 43' quando Puşcaş su calcio d'angolo rimane libero e felice nell' area ciociara: colpo di testa e Benevento – Frosinone 1 – 0: pandemonio di gioia nei pressi del Ciro Vigorito.
 
Il secondo tempo è tutto all'insegna dell' allegria blasfema, con potenziali dinamiche di satanismo estremo. Cragno salva sulla linea su una palla insidiosa di Dionisi, di testa, sugli sviluppi del calcio d'angolo. Viola su punizione eseguita magistralmente colpisce l'incrocio dei pali, poi  bis di Puşcaş in semi rovesciata su deviazione di Terranova: Doppio pandemonio blasfemo con canti ancestrali nei pressi del Ciro Vigorito. 
 
Il pareggio arriva al 57' sempre di testa, Ciofani sugli sviluppi di un calcio d'angolo: gran colpo di cozzetto e beffa blasfema. I ciociari ci credono, e Sammarco ci prova di testa, ma l'onnipresente Cragno demolisce l'insidia, ancora una volta, con una splendida parata. Ancora pochi minuti dopo Dionisi incontra ancora  il numero 1 Giallorosso. Il Vigorito si trasforma in una bolgia, e i tre punti arrivano solo a tempo scaduto: Viola in area colpisce il palo con una bomba micidiale, e nella mischia in area arriva la Belva che fa esplodere tutto lo stadio: Benevento – Frosinone 2 – 1: Scossa di magnitudo 12 al Ciro Vigorito.
 
13 maggio 2017: La Belva, Fabio Ceravolo, vendica al minuto 93 la partita di andata, togliendo tre punti fondamentali alla compagine ciociara, che avrebbero garantito il diretto salto in A, mantenendo vivo il sogno play off...
 
 
Letto 209 volte Ultima modifica il Domenica, 14 Maggio 2017 18:39
Luca Mirra

Fiorentino Luca Mirra nasce per caso nel luglio 1982 cercando d'impiccarsi con il cordone ombelicale. Fino ai 15 anni è un'eccelsa mente matematica, ma a 16 anni non lo è più e inizia a dedicarsi sporadicamente alle materie letterarie che poi abbandona per pigrizia. Sempre per amor dell'ozio si iscrive alla facoltà di Filosofia (Federico II) e completa la Specialistica alla tenera età di 29 anni con la tesi "Nietzsche e il nichilismo". Nel mezzo del cammin della sua vita incontra Emilio Fabozzi, dopo un tris di vino viene assunto per curare la rubrica di scommesse Febbre di Snailand (in collaborazione con Massimiliano Bocchino). Dal marzo 2013 si occupa anche di sport seguendo le fantastiche avventure del Benevento Calcio. Scrive di musica letteratura ed eventi culturali, adora suonare lo strumento ed è contrario a qualunque forma di lavoro (soprattutto se sottopagato).

Articoli correlati (da tag)

ORA ON-LINE: 95

 
pennagrafica