Mercoledì, 28 Dicembre 2016 21:04

Buco Nero cerca di inghiottire il 404 Space Not Found. Il Presidente: “l'evento si farà, al di là delle condizioni spazio/temporali!”

Luca Mirra Scritto da 
San Giorgio del Sannio: a poche ore dall'inizio del festival di musiche elettroniche 404 Space not Found, in programma domani 29 dicembre 2016, dove si esibiranno Daniele Sciolla, Sean Nicholas Savage, e Molly Nilsson (unica data italiana), un preoccupante buco nero supermassiccio si è aperto oggi e rischia di inghiottire tutto il Mercato Coperto dove si terrà il Festival. 
 
Il «mostro» in questione si trova al centro della galassia, e l'evento ha poi dato origine alla formazione di un getto di materia che si è spostato a velocità prossima a quella della luce e sin dalle prime ore di questa mattina ha iniziato a inghiottire lo stabile. Il Presidente del Forum dei Giovani, preoccupato per la situazione (il buco nero potrebbe aumentare di volume se assorbe materia, quindi non dategli da mangiare) ha però rassicurato il pubblico perché il festival si farà a qualunque condizione spazio-temporale: 
 
«Sisisi. Tutto chiaro e ovviamente sisi, come  dicevo che  è un evento del forum che ha una importanza anche maggiore della fisica quantistica stessa. Quindi l'evento, anche se risucchiato per intero da un buco nero supermassiccio, continuerà a sussistere in diverse condizioni spazio temporali, che io stesso presidierò. Perché quello che programmo  è materia, è realtà stessa che va oltre le leggi della fisica quantistica. Sisisi
 
Quando uno stabile ripieno di musica elettronica finisce in un black hole, viene disintegrato da quelle che i ricercatori definiscono come  “maree gravitazionali”. Il gas del suono così va a formare un disco di accrescimento che, vorticando attorno al buco nero, raggiunge temperature vicine ai milioni di gradi. 
«A quel punto -spiegano gli scienziati- il gas situato nella zona interna del disco forma una spirale diretta verso il buco nero, dove il rapido moto orbitale ne amplifica il campo magnetico, dando così origine a una sorta di doppio imbuto attraverso il quale alcune particelle riescono a sfuggire in direzioni opposte. Ne risultano getti di materia sonora  prossimi alla velocità della luce». 
 
Molly Nielsson quando ha saputo quanto stava accadendo non si è lasciata sconcertare dall'Orizzonte degli Eventi e ha dichiarato “Cool”. 
 
Letto 1123 volte

Video

ORA ON-LINE: 164

 
pennagrafica