Martedì, 24 Aprile 2018 18:54

Da Nuvole Arte Antonio Sidibé propone le sue ultime ricerche

Redazione Scritto da  Redazione

Sabato 28 aprile dalle 18:30 presso la galleria Nuvole Arte Contemporanea di Montesarchio inaugurerà la mostra personale di Antonio Sidibé dal titolo "Ambra13#CosaSuccederàAllaRagazza".

Di seguito il commento critico del curatore Domenico Maria Papa:

"La riflessione sull’efficacia della rappresentazione origina, come è noto, con l’affermazione della recente modernità. Lo sviluppo di una cultura sempre più segnata dalla tecnica ha imposto all’artista di ripensare il proprio ruolo e il proprio lavoro, mentre l’uso di nuovi processi di produzione delle immagini, con la fotografia innanzi tutto, ha allentato nella pittura la tensione mimetica. Da ciò è derivata la problematizzazione tra rappresentazione e realtà che ha spinto le avanguardie a cercare nuove dimensioni come nel caso del surrealismo. Oppure, a dimenticare ogni aderenza alla realtà, con l’astrattismo o ancora a cercare una piena aderenza con le cose, dimenticando la rappresentazione, come ad esempio, nel caso del nuovo realismo.

Altri percorsi ancora sperimenteranno altre soluzioni, riproponendo il tema del rapporto tra cosa e immagine: dada, arte povera, arte concettuale e pop art. In quest’ultimo caso, per quanto sia perseguita una ripresa della figurazione è dichiarato l’uso di un immaginario secondo tratto dai media o dalla pubblicità: dunque ciò che è rappresentato non è un oggetto ma l’immagine condivisa di quell’oggetto.
Ancora negli anni Ottanta del Novecento con la Transavanguardia torna una figurazione che è traccia e memoria, valore del soggetto autore, senza più alcuna pretesa di chiarificazione sul suo rapporto con il mondo.
La tensione verso l’immagine, verso cioè la capacità rappresentativa dell’arte rimane, dunque, un movimento carsico che emerge periodicamente anche nelle ricerche di artisti più giovani.
È il caso di Antonio Sidibé che sperimenta un proprio percorso in pittura, sia attraverso la scelta di temi fortemente legati alla contemporaneità e al suo vissuto, sia attraverso una tecnica raffinata e originale. Usa infatti un distribuzione del colore attraverso una tecnica spray che però non ha nulla a che fare con altre esperienze del genere, per esempio di street art. In mostra nel progetto per Nuvole arte, la produzione più recente è rappresentata da opere realizzate ad olio su tela.
La pittura di Sidibé è materica, quasi tridimensionale per effetto dell’ispessimento della superficie pittorica. Ad osservare da vicino la tela si ottiene l’impressione di una filiazione diretta dall’informale. Nel complesso, invece, la sovrapposizione del colore restituisce una composizione figurale, formalmente ben studiata.
Nel progetto per la galleria Nuvole Arte, Sidibé propone un ciclo ultimo di lavori condotto sull’uso del bianco di Titanio. Il colore più vicino alla luce pura, dice l’artista, sul quale il colore si deposita lasciando però emergere quelle che sembrano delle interferenze dell’immagine stessa. Il riferimento immediato è alle immagini veicolate dai media, trasportate e trasformate dagli schermi.
Perché, è ovvio, qualsiasi recupero della figurazione non può non tener conto del movimento iconoclastico delle avanguardie, ma al tempo stesso, è questo il messaggio dell’artista, non può ignorare che di immagini sono inondate le nostre vite.
La pittura sembra dunque essere chiamata a fare i conti, da una parte con l’interdizione della storia, dall’altro con la fascinazione ipnotica degli schermi nei quali continuano a vivere. Il lavoro di Sidibé prova a percorrere lo stretto passaggio nel mezzo che, per la pittura, sembra rimanere ancora aperto".

La mostra sarà visitabile fino al prossimo 10 maggio presso gli spazi di Nuvole Arte Contemporanea, via IV Novembre (I traversa) Montesarchio (BN)
orari: lunedì/sabato 9.00/13.00 - 17.00/20.00 - domenica su appuntamento +39 0824835518
www.nuvolearte.org - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 475 volte
ORA ON-LINE: 68

 
pennagrafica